Mistero in aereo: ebreo ortodosso viaggia rinchiuso in una busta

L'uomo ha preso posto sul velivolo, rinchiuso in un grosso sacco di plastica.

di Daniela Caruso 12 aprile 2013 22:42

Nell’immagine che vedete in allegato all’articolo, scattata a bordo di un volo di linea, un uomo, forse di religione ebreo-ortodossa, è adagiato sul sediolino, rinchiuso in un sacco di plastica trasparente. L’uomo sarebbe un “kohanim“, ossia un discendente della linea maschile dei sacerdoti dell’antico Israele. Questo quanto riferito da alcuni utenti che hanno commentato l’immagine molto discussa su Reddit.

Secondo quanto dettato dalle sacre scritture, sarebbe vietato il contatto con i cimiteri e le salme dei defunti: pertanto, il sacco di plastica fungeva da protezione per l’uomo, nel momento in cui l’aereo avesse sorvolato un cimitero. Il sacco di plastica, che all’altezza della bocca recava dei fiori, serviva, dunque, da “pellicola protettiva” con la funzione di preservare il “kohen” dalle impurità terrene. Ecco la foto integrale:

kohen

Oltre 200 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti