Malesia, corsi per scoprire l’omosessualità dei figli

Durante i seminari, vengono distribuiti opuscoli nei quali vengono descritti i segni per individuare l'omosessualità.

di Elena Arrisico 14 settembre 2012 10:31

Il governo della Malesia – paese a maggioranza islamica – ha approvato l’inizio di alcuni seminari anti-gay volti ad “aiutare” gli insegnanti ed i genitori ad individuare l’omosessualità nei bambini.

È un evento multi-religioso e multi-culturale. Tutte le religioni sono di base contro questo tipo di comportamento“, ha spiegato un portavoce dell’organizzazione. La Fondazione degli Insegnanti della Malesia ha organizzato finora 10 seminari – uno dei quali è stato condotto dal viceministro per l’Educazione, Puad Zarkashi – a cui hanno partecipato circa 1.500 persone.

Secondo quanto scritto su alcuni opuscoli rilasciati ad uno di questi corsi, fra i segni dell’omosessualità vi sarebbe la preferenza dei ragazzi ad indossare vestiti stretti e colorati o grandi borse; mentre per le ragazze, la questione sembra più difficile da individuare: l’opuscolo dice che, solitamente, non provano attrazione per gli uomini ed amano uscire e dormire con altre donne. Insomma, “segni” che non vogliono dire praticamente nulla.

In Malesia, l’omosessualità è illegale, perché considerata “contro natura”. Le pene variano da caso a caso: multe, fustigazione o carcerazione fino a 20 anni, a seconda dei casi. Anche l’ex vice primo ministro, Anwar Ibrahim, è stato processato due volte per sodomia e condannato a 6 anni di carcere.

Molte associazioni stanno già protestando e denunciando la decisione del governo.

46 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti