Le cose che non vorreste mai sapere sul vostro medico

Diagnosi sbagliate, mani non pulite e oggetti lasciati all'interno dei pazienti. Sono alcune delle cose che non vorremmo conoscere.

di piero81 3 gennaio 2014 17:37
medici sono i professionisti ai quali ci rivolgiamo quando stiamo male ed è quindi importante stabilire con loro una relazione  basata sulla fiducia.
Il proprio medico è quindi per noi non solo colui che cura, ma anche la persona alla quale chiediamo rassicurazioni in un momento di preoccupazione per la nostra salute o per quella dei nostri cari.
Ci sono alcune cose, però, che non sappiamo su di loro e che non vorremmo sentire. Cose che riguardano errori e mancato rispetto delle regole e del protocollo.
Vediamole di seguito.
– Il 15% dei pazienti riceve una diagnosi sbagliata.
La diagnosi è fondamentale per la cura e questo errore riguarda una persona su sette. Meno della metà dei medici ammette di avere commesso un errore rispetto ai pazienti.
– Nelle operazioni in ospedale, l’errore di lasciare una spugna o un dispositivo chirurgico all’interno dei pazienti accade 6000 volte l’anno.
– Quando gli antibiotici non funzionano, i medici utilizzano i vermi sulla pelle infetta dei pazienti.
– Alcuni medici sono pagati dalle case farmaceutiche per promuovere alcuni farmaci da prescrivere.
La questione concerne circa 160 mila dollari all’anno.
– In ospedale si segnalano complicazioni che per il 40% dipendono dalla non osservazione del protocollo relativo al lavarsi le mani.
Questo causa la diffusione di germi fatali e infezioni nei pazienti.
– I chirurghi che giocano ai videogiochi fanno meno errori e lavorano più velocemente.
– La scrittura incomprensibile dei medici causa circa 7000 morti l’anno.
Queste sono le cose che non vorremmo mai sapere sui nostri medici ma, nonostante tutto, restano una categoria che al suo interno raccoglie ancora persone altamente qualificate delle quali possiamo fidarci, quasi, ciecamente.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti