Le 5 morti più bizzarre di sempre di persone importanti

Ecco come hanno perso la vita alcuni dei personaggi più celebri appartenenti ad un passato non del tutto recente.

di Simona Vitale 2 agosto 2013 12:48

Se la morte sorride a tutti e un uomo non può far altro che sorriderle di rimando (come disse il grande imperatore di Roma Marco Aurelio), è pur vero che ci sono modi e modi in cui essa pone fine alla nostra vita terrena.

E alcuni di essi (è il caso di dirlo) sono alquanto bizzarri.

Vediamo dunque le morti più strane di personaggi più o meno celebri del passato non troppo recente.

1. Eschilo, padre della tragedia greca, assassinato da un’aquila e da una tartaruga per il fatto di essere calvo

http://s3-eu-west-1.amazonaws.com/lookandlearn-preview/XM/XM10/XM10045/XM10045123.jpg

http://s3-eu-west-1.amazonaws.com/lookandlearn-preview/XM/XM10/XM10045/XM10045123.jpg

La morte di Eschilo rimane ancora oggi come uno dei casi più bizzarri nella storia, senza voler affatto esagerare. Eschilo è considerato il padre della tragedia ed è stato acclamato in tutto il mondo fino ad oggi per questo, dal momento che è stato il primo dei tre grandi tragici greci antichi (gli altri due sono Sofocle ed Euripide). Questa è la parte ben nota della vita Eschilo. Ora la parte bizzarra della sua storia è completamente collegata con la sua morte. 

In realtà la sua rappresenta l’unico caso documentato di morte umana direttamente legata ad una tartaruga. Sembra che Eschilo sia stato vittima della sua stessa testa calva. Secondo molte fonti storiche Eschilo morì quando un’aquila affamata fece cadere una tartaruga sulla sua testa (in modo da far rompere il guscio della tartaruga e avere accesso alla “carne cruda”), apparentemente scambiando la testa calva per una roccia. Probabilmente quella di Eschilo è la morte più bizzarra registrata in quel periodo e in modo scherzoso può dirsi che si tratta probabilmente del primo “crimine d’odio” commesso nei confronti di un uomo calvo.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti