L’asteroide Nibiru? Una bufala, ma 2007 PA8 è reale

A dare la notizia gli scienziati del Deep Space Network Antenna, che hanno registrato il punto massimo di avvicinamento alla Terra il 5 novembre scorso.

di Elena Arrisico 12 novembre 2012 13:11

La notizia che l’asteroide Nibiru – che pare non abbia nulla a che fare con il presunto pianeta descritto dallo scrittore Zecharia Sitchin, sulla base di un’interpretazione personale delle scritture babilonesi – sia in viaggio verso la Terra – senza alcun riscontro di tipo scientifico – ha fatto il giro del web dopo che, qualche giorno fa, la CNN aveva pubblicato un articolo in merito:

Secondo indiscrezioni di dipendenti e scienziati della NASA, un asteroide soprannominato Nibiru si sta muovendo verso la Terra, con un 30 per cento di probabilità di collisione. È comprensibile che la NASA per il momento taccia per non provocare il panico e raccogliere tutte le notizie utili ad un comunicato ufficiale, ma alcune voci non confermate sostengono che l’asteroide abbia le dimensioni del Texas e che la data prevista per la collisione sia abbastanza ampia: compresa tra novembre e dicembre, entro la fine dell’anno“.

Si legge. La notizia è stata pubblicata lo scorso 5 novembre, però non sul sito web ufficiale della CNN, bensì su un blog della stessa redazione che “ospita” articoli scritti dai propri lettori. Così, la notizia è stata in grado di andare direttamente in vetta ai motori di ricerca e di rimbalzare fra un social network e l’altro provocando il panico, data l’importanza della fonte.

Nonostante ciò, dalla NASA arriva una notizia simile: gli scienziati del Deep Space Network Antenna di Goldstone – in California, negli USA – infatti, hanno ottenuto diverse immagini dell’asteroide 2007 PA8, che pare sia passato a circa 10 milioni di chilometri di distanza dal nostro pianeta lo scorso 28 ottobre e a soli 9 milioni di chilometri il 30 ottobre.

2007 PA8 sembra sia largo 1,6 chilometri e che abbia una forma irregolare, con una superficie piena di crateri ed una rotazione di circa 3-4 giorni. Gli scienziati hanno calcolato che il punto massimo di avvicinamento si è avuto il 5 novembre scorso, quando l’asteroide è passato a circa 6,5 milioni di chilometri dalla Terra, cioè 17 volte la distanza fra il nostro pianeta e la Luna.

38 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti