La sorprendente mappa degli atei nel mondo

Un sondaggio realizzato da WIN / Gallup International ha chiesto a più di 50.000 persone in 40 paesi se si considerano "religiose", "non religiose" o "atee".

di Simona Vitale 24 maggio 2013 15:42

Le asserzioni di Papa Francesco, tra le quali spicca quella per cui “Dio redime tutti noi, anche gli atei”, hanno sorpreso sia i credenti che non i credenti di tutto il mondo, abituati ad asserzioni più severe dalla Chiesa Cattolica. E ci si si spinge a chiederci dove siano maggiormente localizzati gli atei nel mondo. Sorprendentemente sono pochi i dati disponibili sull’argomento. Tuttavia un sondaggio del 2012 realizzato da WIN / Gallup International – una società di sondaggi internazionale che non è associata con il gruppo Gallup DC – ha chiesto a più di 50.000 persone in 40 paesi  se si considerassero “religiose“, “non religiose” o “atee convinte“. Nel complesso, il sondaggio ha concluso che circa il 13% degli intervistati globali si identificano come atei, più del doppio della percentuale è presente negli Stati Uniti.

La massima quota riportata di atei è in Cina: dove si registra un sorprendente 47%. La fede ha una storia complicata in Cina. Lo Stato è profondamente scettico sulla religione organizzata, che è stata a lungo considerata una minaccia alla sua autorità.

Nella ribellione di Taiping del 19 ° secolo, un culto religioso iniziò una guerra civile cinese che ha ucciso milioni di persone e ha lasciato il paese esposto a potenze europee. L’ideologia ufficiale del governo comunista disprezzava entrambe le “nuove” religioni occidentali e le fedi cinesi più tradizionali, finendo con il distruggere innumerevoli templi e reliquie durante la Rivoluzione culturale durata dal 1967 al 1977.

In Giappone, dove il 31% degli intervistati si definisce ateo, è un po’ più complicato. Mentre l’osservazione religiosa superficiale è comune – molti matrimoni si celebrano infatti in Chiesa – la pratica religiosa formale non è mai stata veramente ripresa dall’epoca imperiale che culminò con la Seconda Guerra Mondiale. Dal 1920 al 1940, il governo imperiale del Giappone combinò una forma estrema di nazionalismo basato sulla razza con il culto dell’Imperatore e la pratica tradizionale scintoista. Alcuni simboli di quell’epoca rimangono, come il santuario Yasukuni, anche se sono profondamente controverse e spesso associate con gli abusi in tempo di guerra registrati nel Paese.

Come per il nazionalismo in Germania, una sorta di un tabù nel dopoguerra si è sviluppato intorno alla religione in Giappone. A parte, vi è una tendenza allarmante nel paese asiatico: ovvero la de-conversione forzata, per la quale le famiglie possono “rapire” una persona cara che ha adottato una fede vista come troppo estrema, ad esempio quella dei Testimoni di Geova, facendo pressione per fargliela abbandonare.

Uno dei risultati più sorprendenti si registra anche in Arabia Saudita, dove il 5% degli interpellati è ateo. Non si tratta di un numero alto, ma superiore a quello di molti altri paesi, nonostante il tabù estremamente sensibile contro l’ateismo nel Paese considerato un reato grave. (Sia in Iraq e in Afghanistan, per esempio, meno dell’1 per cento degli intervistati si definisce ateo).

Oltre all’Iraq e all’Afghanistan, il sentimento religioso più forte si registra in Ghana, Nigeria, Armenia e Fiji, dove più di nove persone su 10 dicono di essere religiose. WIN / Gallup rileva che la religiosità è più alta fra i poveri e, in misura minore, tra i meno istruiti, che si correla con il tasso dei paesi più religiosi. (Il PIL pro capite del Ghana, per esempio, si classifica al 173 ° posto in tutto il mondo.)
Per quanto riguarda l’Italia, la Chiesa cattolica ha poco da temere: quasi i tre quarti degli italiani si ritengono religiosi. Questo numero in realtà è cresciuto dell’1% dal 2005, secondo la WIN / Gallup, in controtendenza rispetto al sentimento religioso più debole visto in altre parti del mondo.

50 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti