Killer mette incinta una ragazza mentre è in galera

Joran Van der Sloot, condannato a 28 anni di reclusione, avendo messa incinta una donna peruviana potrebbe evitare l'estradizione negli USA per un altro reato.

di Simona Vitale 8 ottobre 2012 16:15

Un quotidiano olandese, De Telegraaf, ha riportato la notizia di un uomo, Joran Van der Sloot, che, sebbene stia scontando una condanna a 28 anni di carcere per aver ucciso una giovane donna peruviana, ha messo incinta una ragazza mentre era in carcere a Lima. Il giornale ha riportato le parole dell’avvocato di Van der Sloot Maximo Altez, il quale ha confermato che la donna in questione è incinta di 3 mesi, come ha asserito anche il suo stesso assistito in una telefonata.

La donna, identificata da documenti solo come “Leidi,” ha avuto un rapporto sessuale con Van der Sloot nel corso di una visita non supervisionata, che ha portato poi al concepimento del bambino. Non è chiaro se questo è permesso, o comunque possibile, secondo le regole della prigione peruviana. I media in Perù lo scorso anno hanno individuato una donna di nome Leydi Figueroa Uceda come la possibile fidanzata di Van der Sloot. La donna avrebbe negato di essere la madre del figlio del condannato, così come l’avvocato Altez ha poi descritto la coppia come dei semplici “amici”.

Al De Telegraaf Van der Sloot ha detto che “Leidi” usa la pillola anticoncezionale, ma a quanto pare si era dimenticata di prenderla e non avrebbe voluto abortire in virtù della sua fede cattolica. Ha detto anche di non aver fatto la prova del DNA che certifichi effettivamente che il bambino sia suo, ma lui crede che lo sia.

Van der Sloot è stato dipinto come estremamente bugiardo, dopo aver più volte confessato di aver ucciso l’adolescente statunitense Natalee Holloway, scomparsa nel 2005, salvo poi ritrarre le confessioni. Nel 2010 è stato condannato per la rapina e l’uccisione di Stephany Flores in una stanza d’albergo a Lima, dopo l’incontro con lei in un casinò nelle vicinanze. L’uomo è ricercato dalle autorità degli Stati Uniti con l’accusa di aver voluto estorcere denaro alla famiglia Holloway, sotto  promessa di rivelare dove fosse il corpo della giovane.

Può resistere all’estradizione negli Stati Uniti, dove è ricercato per il caso Holloway, se ottiene la nazionalità peruviana. Questa diviene possibilità concreta, se diventa il padre di un bambino peruviano o se sposa una cittadina peruviana.

34 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti