Il paese che protesta come in V per Vendetta

La maschera di Guy Fawkes, protagonista del celebre fumetto di Alan Moore, era diventata il simbolo delle rivolte che dal 2011 si succedono in Bahrain.

di Simona Vitale 27 febbraio 2013 2:46

Hassan Fakhro, ministro dell’Industria e del Commercio del Regno del Bahrain è stato quasi costretto a varare una legge ad hoc al fine di bloccare  le importazioni della maschera di Guy Fawkes, protagonista del famoso fumetto di Alan Moore, “V per vendetta” e dal quale è stato tratto l’omonimo, altrettanto famoso film del 2005. La maschera era diventato il simbolo delle proteste globali nel corso degli ultimi due anni, passando dalla Primavera Araba sino a quelle di Occupy Wall Street.

Come evidenziato dal quotidiano britannico Independent, chiunque sarà sorpreso ad acquistare dall’estero anche un solo esemplare della maschera sarà punito con l’arresto. La legge voluta dal ministro Fakhro non nasce certo da un’antipatia personale verso il fumetto di Moore. Le rivolte popolari, esplose nel 2011, in Bahrain non sono mai state del tutto sopite ed anche qui, come in tante altre parti del mondo, i manifestanti erano soliti celare il proprio volto dietro la maschera di Guy Fawkes, rendendo così necessario l’intervento del Governo locale.

52 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti