I 10 uomini che potrebbero diventare Papa (FOTO)

Ecco i cardinali che sembrano avere le maggiori carte in regola per porsi a capo della Chiesa Cattolica.

di Simona Vitale 12 febbraio 2013 13:12

Le annunciate dimissioni di Papa Benedetto XVI hanno scioccato il mondo e ci pongono dinanzi a diversi interrogativi su ciò che accadrà in futuro e su chi prenderà il posto di Joseph Rarzinger come capo della Chiesa Cattolica. Quel che è certo è che, dopo il 28 febbraio inizierà la “sede vacante” e sarà poi compito del Conclave eleggere il nuovo Pontefice. La procedura sarà sicuramente più veloce in quanto non si dovranno attendere i novendiali, i 9 giorni di lutto che normalmente intercorrono dopo la morte di un pontefice. Vediamo quali sono i candidati più accreditati a prendere il posto di Benedetto XVI secondo BuzzFeed.

1. Cardinale Peter Turkson

Cardinale Peter Turkson

Paese: Ghana.
Posizione: Presidente del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace.
Età: 64.
Perché potrebbe essere eletto: L’Africa è una delle regioni in cui il Cattolicesimo è in rapida crescita. Nel 2008, Papa Benedetto XVI ha detto che l’elezione di un pontefice nero sarebbe “un segnale splendido per il mondo” sulla natura universale della Chiesa cattolica. Turkson parla sei lingue ed è uno dei membri più visibili della Chiesa. Si presenta simpatico e pragmatico nelle sue apparizioni pubbliche. La sua vasta esperienza pastorale in Africa rappresenta un punto a suo favore.
Perché non potrebbe essere eletto: Nel mese di ottobre 2012 ha postato un video su YouTube nel quale ha fatto previsioni allarmistiche circa la crescita dell’Islam in Europa, in un incontro internazionale dei vescovi. Inoltre, come sottolinea il National Catholic Reporter: “Come presidente di un consiglio pontificio, che in realtà non ha poteri vincolanti, permangono dubbi sulla sua capacità di governare”.
Probabilità: 3/1

2. Cardinale Marc Ouellet

Cardinale Marc Ouellet

Paese: Canada.
Posizione: Prefetto della Congregazione per i Vescovi, Presidente della Pontificia Commissione per l’America Latina.
Età: 68.
Perché potrebbe essere eletto: come prefetto della Congregazione dei Vescovi, Ouellet guida il braccio del Vaticano che fa le nomine dei vescovi di tutto il mondo. La posizione di potere ha spinto il cardinale canadese sotto i riflettori e gli ha dato una profonda conoscenza dello stato attuale della Chiesa in tutto il mondo cattolico. Parla correntemente sei lingue e ha portato l’arcidiocesi di Québec in due viaggi come un funzionario del Vaticano, dandogli un background invidiabile politico e pastorale. Sarebbe il primo Papa proveniente dall’America.
Perché non potrebbe essere eletto: I critici sostengono che Ouellet sia una persona troppo introversa per essere adatto alla vita pubblica di un pontefice del 21° secolo. Nel 2011, Ouellet ha detto che, per lui, di diventare papa sarebbe “un incubo, una responsabilità schiacciante”.
Probabilità: 7/2

3. Cardinale Francis Arinze

Cardinale Francis Arinze

Paese: Nigeria.
Posizione: Prefetto emerito della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti.
Età: 80.
Perché potrebbe essere eletto: Come Turkson, Arinze è uno dei più importanti cardinali africani ed era nella graduatoria generale dopo la morte di Papa Giovanni Paolo II.
Perché non potrebbe essere eletto: A 80 anni, Arinze è troppo vecchio per votare nell’elezione papale se stesso e l’ultimo pontefice senza diritto di voto ad essere eletto fu Adriano VI nel 1522. Sembra improbabile che il conclave elegga un cardinale così anziano dopo le correlate dimissioni per anzianità e ragioni di salute di Papa Benedetto.

Probabilità: 9/2

4. Cardinale Leonardo Sandri

Cardinale Leonardo Sandri

Paese: Argentina.
Posizione: Prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali.
Età: 69.
Perché potrebbe essere eletto: la biografia di Sandri, come messo in evidenza dal National Catholic Review, è una delle migliori in ottica di eleggibilità papale: “Un argentino di nascita, poteva essere presentato come un “Papa da Terzo Mondo, ma viene da una famiglia italiana e ha trascorso gran parte della sua carriera in Vaticano per questo egli conosce il suo funzionamento dall’interno“. Il suo lavoro con la Congregazione per le Chiese Orientali lo avrebbe messo in grado di rafforzare i legami del papato con le Chiese orientali ortodosse e ha la reputazione di essere un esperto e capace manager.
Perché non potrebbe essere eletto: gli osservatori vaticani hanno chiamato Sandri come principale candidato per la carica di segretario di Stato vaticano, data la sua preparazione burocratica e precedente esperienza in ufficio sotto Papa Giovanni Paolo II.
Probabilità: 6/1.

5. Cardinale Angelo Scola

Cardinale Angelo Scola

Paese: Italia.
Posizione: Cardinale-Arcivescovo di Milano.
Età: 71.
Perché potrebbe essere eletto: la formazione accademica di Scola rispecchia quella di Papa Benedetto XVI ed è stato al fronte degli sforzi musulmani della chiesa di sensibilizzazione. Ha fondato la Fondazione Oasis, che porta gli studiosi musulmani e cristiani insieme per promuovere la comprensione reciproca e riflettere sul futuro del Medio Oriente. La sua personalità estroversa pubblica è stata paragonata a quella di Papa Giovanni Paolo II. Inoltre, già due volte nel secolo scorso, gli arcivescovi di Milano sono stati eletti Papa: Papi Pio XI nel 1922 e Paolo VI nel 1963.
Perché non potrebbe essere eletto: si dice che Scola abbia dei nemici nella Curia Romana (l’organo di governo della Chiesa) e alcuni leader della Chiesa sono diffidenti nei confronti di un’altra unzione accademica pontefice.
Probabilità: 8/1.

6. Cardinale Oscar Maradiaga

Cardinale Oscar Maradiaga

Paese: Honduras.
Posizione: Arcivescovo di Tegucigalpa, Presidente di Caritas Internationalis.
Età: 70.
Perché potrebbe essere eletto: Maradiaga diventerebbe il primo Papa dall’America Latina, dove si registrano 1 miliardo di cattolici. In qualità di Presidente della Caritas (una “agenzia cattolica per gli aiuti all’estero e lo sviluppo”) è stato una voce influente sulle questioni sociali sulla scena internazionale ed è un sostenitore feroce della giustizia sociale. Viene descritto come un “Giovanni Paolo II latino-americano” a causa della sua personalità carismatica.
Perché non potrebbe essere eletto: Maradiaga inizialmente ha appoggiato il colpo di stato militare in Honduras nel 2009, decisione che ha danneggiato la sua reputazione. Egli è anche considerato troppo liberale per il conservatore Collegio dei Cardinali.
Probabilità: 7/1

7. Cardinale Gianfranco Ravasi

Gianfranco Ravasi

Paese: Italia.
Posizione: Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura.
Età: 70.
Perché potrebbe essere eletto: Attraverso il suo “Cortile dei Gentili“, un forum sponsorizzato dal Vaticano che porta i credenti e non credenti insieme per il dialogo, Ravasi ha portato la Chiesa al più recente successo di sensibilizzazione del secolo. Egli è descritto come “divertente, rilassato e affabile … con i piedi per terra per un uomo della sua erudizione, avendo scritto anche colonne di righe per i più importanti e popolari giornali italiani.”
Perché non potrebbe essere eletto: Ravasi ha poca esperienza pastorale ed ha una reputazione da “intellettuale europeo”. Egli è noto per rifuggire dalle manovre politiche interne , e di conseguenza non ha costruito una base di supporto all’interno del blocco italiano del Conclave (che rappresenta un quarto dei seggi del Collegio cardinalizio).
Probabilità: 8/1.

8. Cardinale Angelo Bagnasco

Angelo Bagnasco

Paese: Italia.
Posizione: Arcivescovo di Genova, Presidente della Conferenza Episcopale Italiana.
Età: 70.
Perché potrebbe essere eletto: Bagnasco ha dimostrato di essere un leader molto capace della Conferenza episcopale italiana e un esperto portavoce della Chiesa. Ha fatto notizia quando ha attaccato l’allora Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e gli altri leader italiani per il loro comportamento non etico. Come vescovo più anziano d’Italia, Bagnasco probabilmente avrà un forte sostegno da parte dei membri italiani del Collegio Cardinalizio.
Perché non potrebbe essere eletto: Bagnasco non ha mai lavorato al di fuori d’Italia e non è una figura ben nota nella Chiesa in tutto il mondo.
Probabilità: 12/1.

9. Cardinale Tarcisio Bertone

Cardinale Tarcisio Bertone

Paese: Italia.
Posizione: Cardinale Segretario di Stato, Camerlengo di Santa Romana Chiesa.
Età: 78.
Perché potrebbe essere eletto: Bertone ha assunto giorno per giorno le responsabilità del papato negli ultimi anni ed ha una reputazione come il più potente (sebbene un po’ spietato) politico presso la Santa Sede. Egli è responsabile della nomina di molti dei cardinali italiani che eleggeranno il prossimo Papa.
Perché non potrebbe essere eletto: Il politico principale ha troppi nemici all’interno della chiesa. Bertone è stato il principale obiettivo dello scandalo del 2012 “Vatileaks” e molti cardinali lo hanno apertamente accusato di non aver “evitato le gaffe che hanno funestato il papato di Benedetto XVI”. Non parla inglese o francese ed è considerato da molti come assetato di potere e non qualificato per la carica che ricopre attualmente.
Probabilità: 16/1.

10. Cardinale Cristoph Schoenborn

Cristoph Schoenborn

Paese: Austria.
Posizione: Arcivescovo di Vienna,  presidente della Conferenza episcopale austriaca.
Età: 68.
Perché potrebbe essere eletto: Schoenborn è stato un critico persistente della gestione della Chiesa per quanto riguarda lo  scandalo della pedofilia e nel 2010 ha accusato il cardinale Angelo Sadano, che ha servito per 16 anni dal 1990 al 2006 come segretario di Stato, di insabbiamento.
Perché non potrebbe essere eletto: sembra improbabile che il Consiglio dei Cardinali possa eleggere due papi tedeschi di fila. Schoenborn viene guardato con sospetto dagli elementi conservatori della Chiesa e la sua ortodossia è stata messa in discussione.
Probabilità: 14/1.

Oltre 300 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti