Gruppo Pam/Panorama: giovani studenti assunti per la domenica

L'iniziativa nasce in seguito alla liberalizzazione del commercio varata dal Governo. Già migliaia le richieste.

di Simona Vitale 12 aprile 2012 13:11

Mentre imperversa la discussione sul fatto se sia cosa giusta o meno l’apertura domenicale dei supermercati, dal gruppo Pam/Panorama della grande distribuzione alimentare arriva un’iniziativa decisamente concreta. In molti dei punti vendita che il gruppo veneto possiede in Italia sono stati affissi dei cartelloni con su scritto: “Sei studente? Lavora con noi la domenica”.

L’iniziativa, rivolta agli studenti universitari, è partita in sordina, ma pian piano le domande di assunzione sono cresciute notevolmente fino a quando, ad un mese dal lancio della campagna, i responsabili delle risorse umane del gruppo hanno stimato tra le 3 e le 5 mila le domande di assunzione pervenute tramite il sito lavoraconnoi.gruppopam.it . Le mansioni richieste agli studenti sono quelle base di addetto alla cassa o di addetto al punto vendita, sebbene la promessa fatta in sede di assunzione sia alquanto interessante per il futuro. “Se terminati gli studi vorrai continuare a lavorare con noi ti offriremo la possibilità di partecipare a un processo di crescita all’interno dell’azienda”. Dunque terminati gli studi, ci sarà anche la possibilità di far carriera nel supermercato, arrivando a dirigerne uno o un suo settore. Tanti sono i manager che hanno iniziato in questo modo fa sapere il gruppo, fondato nel 1958 da tre famiglie, da cui è attualmente controllato: i Bastianello, i Dina e i Giol.

Gli studenti assunti lavoreranno solo il giorno di festa per un turno di 8 ore, con una prestazione regolata dal contratto nazionale del commercio che prevede l’assunzione part time per i giovani studenti. Non ci sono ancora indicazioni precise su quella che sarà la paga riservata ai dipendenti, ma  sta di fatto che per un mese standard, composto di 4 domeniche, un giovane potrebbe arrivare a percepire mensilmente una busta paga con 300 – 400 euro. Non male in tempi di crisi come quelli che corrono e soprattutto considerando che si lavorerà una volta a settimana.

16 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti