Leonardo.it
IsayBlog

Gli occhi rivelano se sei etero o gay, dice uno studio. Ecco come

Secondo gli studi di Ritch Savin Williams, della Cornell University, la dilatazione della pupilla è indicatrice dell'eccitazione di un soggetto.

di Simona Vitale 6 agosto 2012 10:18
Occhio

Che tu sia gay, eterosessuale o altro ancora, la verità su chi ti attrae potrebbe nascondersi nei tuoi occhi. La dilatazione della pupilla è un indicatore preciso dell’orientamento sessuale, secondo quanto emerge da un nuovo studio. Quando le persone guardano immagini erotiche e si eccitano, le loro pupille si aprono in una reazione inconscia che potrebbe essere utilizzata per studiare l’orientamento e l’eccitazione senza invasive indagini genitali. Il nuovo studio è il primo grande esperimento per dimostrare che la dilatazione della pupilla corrisponde al grado di eccitazione di una persona, secondo quanto detto dal ricercatore Ritch Savin-Williams, uno psicologo dell’età evolutiva presso la Cornell University.

Il legame tra la dimensione della pupilla e l’eccitazione viene da lontano. Nel 16° secolo in Italia, le donne usavano collirio a base di erba tossica Belladona, pensato per dare uno sguardo seducente. In realtà, Savin-Williams ha detto che le pupille si dilatano leggermente in risposta a qualsiasi stimolo eccitante o interessante, compresi il viso di una persona amata o anche un’opera d’arte. La dilatazione è un segno che il sistema nervoso autonomo – il sistema che controlla le azioni involontarie, come quelle del polso e la respirazione – sta crescendo.

Tradizionalmente, i ricercatori hanno studiato l’orientamento e l’eccitazione sessuale, chiedendo ai volontari di guardare i film erotici o immagini mentre  erano collegati agli strumenti che misurano il flusso di sangue ai genitali. Per gli uomini, si tratta della misura della circonferenza del pene, mentre per le donne si utilizza una sonda che misura la variazione della pressione nei vasi sanguigni delle pareti vaginali.

Queste misure hanno però degli inconvenienti, ha riferito Savin-Williams. Alcune persone possono sopprimere la loro eccitazione sessuale, o semplicemente non hanno risposte genitali in un ambiente di laboratorio. E poi c’è il problema dell’invasività. Alcune persone non vogliono essere coinvolte nella ricerca che coinvolge i loro genitali“, ha riferito Savin-Williams.

Le persone possono avere vergogna ad ammettere i loro desideri o addirittura possono negarlo a loro stessi. Sembra anche difficile anche solamente fare delle domande dirette circa l’orientamento sessuale in molte culture, secondo la ricercatrice. Per ovviare a questi problemi, Savin-Williams e il suo collega Gerulf Rieger, anch’egli della Cornell University, si è rivolto agli studenti. Hanno così reclutato 165 uomini e 160 donne, tra gay, etero e bisessuali partecipanti. Questi volontari hanno guardato separatamente un minuto di video di un uomo che si masturba, di una donna si masturba e scene di paesaggio neutre. I video sono stati tutti abbinati per luminosità in modo che le differenze di luce non falsassero i risultati.

Una telecamera ad alta precisione ha registrato gli allievi nel corso di questi video, misurando piccoli cambiamenti nella dimensione della pupilla. La gente ha anche riferito i propri sentimenti di eccitazione per ogni video. I risultati hanno mostrato che la dilatazione della pupilla corrisponde al modello visto sugli studi dell’eccitazione genitale. Negli uomini, questo modello è in genere molto semplice: gli uomini etero rispondono alle immagini sessuali di donne e uomini gay rispondono alle immagini sessuali degli uomini. Uomini bisessuali rispondono a uomini e donne.

Nelle donne, le cose sono più complesse, dice Savin-Williams. Le donne gay mostrano la dilatazione della pupilla nel guardare immagini di altre donne, simili al modello visto in uomini eterosessuali. Ma le pupille delle donne etero si dilatano in fondo anche in risposta a immagini erotiche di entrambi i sessi, nonostante la segnalazione sentimenti di eccitazione sia per gli uomini e non per le donne. 

Questo non significa che tutte le donne etero sono segretamente bisessuali. La scienziata avverte solo che la loro eccitazione soggettiva non corrisponde necessariamente all’eccitazione del loro corpo. I ricercatori non sono sicuri del perché questo accade. Una teoria è che, perché le donne sono state a rischio di essere violentate nel corso della storia, si sono evolute per rispondere con la lubrificazione a qualsiasi stimolo sessuale, non importa quanto poco attraente. Questa idea sostiene che le donne che lo hanno fatto avevano meno probabilità di sperimentare un trauma o un’infezione dopo la violenza sessuale, il che rende più probabile che esse sarebbero sopravvissute per passare i loro geni.

Savin Williams ha dichiarato che questa tecnologia potrebbe essere utilizzata per condurre studi multiculturali della sessualità, dato che la dilatazione della pupilla è universale e non dipende dalle etichette di orientamento sessuale, che non può tradursi in tutte le lingue. Il metodo potrebbe anche essere utilizzato per aiutare le persone che sono confuse sulla loro sessualità, specie attraverso i loro desideri.

Oltre 100 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Tags: gay · occhi · studio · usa
Commenti