Gli atei hanno una vita sessuale migliore, secondo gli psicologi

Un sondaggio realizzato da Darrel Ray, fra 14.500 persone maggiorenni e di tutti gli orientamenti sessuali, ha evidenziato tale risultato.

di Simona Vitale 21 marzo 2013 12:39

Religione e sesso non sembrano ben mescolarsi. Darrel Ray, dopo aver essersi lasciato la religione alle spalle sul finire degli anni ’70, si chiese se la sua esperienza coincidesse con quella vissuta da altri. Per saperlo, ha deciso di realizzare un vero e proprio sondaggio, condotto fra 14.500 persone provenienti da un background religioso, finendo con lo scoprire che, una volta che avevano abbandonato le loro chiese, la loro vita sessuale era decisamente migliorata.

Nella sua indagine, Sex and Secularism, pubblicata la settimana scorsa, emerge una correlazione diretta tra senso di colpa e il comportamento sessuale. Non sorprende, ma Ray ha anche imparato che il senso di colpa, alla fine, scompare. Gli atei, ha concluso, hanno una vita sessuale migliore di tutti gli altri. Tutti i suoi intervistati – persone maggiorenni e di tutti gli orientamenti sessuali – avevano abbandonato le loro chiese e han descritto se stesse come agnostiche o senza una fede religiosa.

Una volta lasciata la religione, oltre il 50% degli intervistati ha visto miglioramenti nella propria vita sessuale, il 29,6% non ha visto alcun cambiamento e il 2,2% ha ritenuto che essa sia invece andata peggiorando. Coloro che sono cresciuti nelle chiese più conservatrici – in base agli insegnamenti ricevuti sul sesso e sul senso di colpa- hanno riportato i più alti livelli di soddisfazione dopo essersi lasciati alle spalle la religione.

Tutte le persone che sono state intervistate, si è scoperto, hanno sostanzialmente lo stesso numero di rapporti sessuali a settimana.  Esse sono diventate anche sessualmente attive in ​​età simili.

Ray, 60 anni, è un ricercatore indipendente che ha lavorato come psicologo organizzativo nelle aziende per 30 anni. Prima di allora, ha lavorato dieci anni come psicologo clinico.

Per decenni ho sentito dire che la gente diceva che la propria vita sessuale era migliorata, una volta lasciata la religione – qualsiasi religione – ma nessuno sembrava aver esaminato la questione scientificamente”, ha detto. Lui e la sua assistente, Amanda Brown, studentessa di psicologia presso la Kansas University, hanno così deciso di realizzare un sondaggio online che ha attirato 2.500 risposte all’ora, intervistando solo coloro che una volta erano religiosi, ma ora non più.

Una delle più grandi sorprese nella ricerca di Ray è stata quella relativa al fatto che le persone non sono “afflitte dai sensi di colpa” a lungo, dopo che hanno lasciato le loro credenze religiose precedenti.

Non riuscivamo a trovare le prove per questo” ha detto. “La gente vuole andare avanti con la propria vita sessuale e vuole divertirsi. Le persone non vogliono Gesù in camera da letto. E non importa se sono mormone, musulmane o cattoliche quando Dio sta guardando”.

Oltre 200 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti