Furti nei negozi, la top ten dei prodotti rubati

In Italia furti per 2.3 miliardi di euro l’anno: abbigliamento e beauty i settori più colpiti.

di fabiana 30 novembre 2017 14:30
shopping, furti, negozi, Persone che camminano in Via Condotti a Roma

Ammonta a circa 2,3 miliardi di euro all’anno a causa di furti e rapine stimato dalle aziende italiane del retail: i dati arrivano dal nuovo  studio La sicurezza nel retail in Italia. Uno studio su furti, rapine e nuovi sistemi di prevenzione realizzato da Crime&tech, spin-off company del centro Transcrime di Università Cattolica del Sacro Cuore, in collaborazione con il Laboratorio per la Sicurezza e il supporto di Checkpoint Systems.

La cifra rappresenta circa l’1,1% del fatturato del settore, ma sale  ancora e arriva a 3,4 miliardi di euro, ne momento in cui si calcola anche la spesa in sistemi di sicurezza.

Gli investimenti spesa per la sicurezza maggiore arriva dalla categoria abbigliamento/intimo  e presso la categoria retailer presso le grandi stazioni di servizio: i dati mostrano che mediamente per ogni punto vendita retail italiano sono stati sventati 83 furti nel 2016.

E c’è anche la tattica: vengono utilizzate delle borse appositamente schermate con fogli di alluminio per poter contrastare i sensori anti-taccheggio.

L’identikit del ladro varia in base al sesso: le donne sono di età compresa fra i 18 e i 25 anni e gli uomini di età compresa fra i 26 e i 40 che puntano soprattutto le categorie fai da te, le stazioni di servizio e il luxury. Beauty, nelle calzature e nell’abbigliamento sono gli obbiettivi delle donne ladro di età compresa fra i 26 e i 40 anni.

L’analisi che anticipiamo è stata condotta su più di 8mila punti vendita in tutta Italia analizzando non solo le variazioni dei prodotti delle aree geografiche, ma anche sulle modalità di furto più comuni e sulle misure e tecnologie di sicurezza adottate dalle aziende.

Abbigliamento – Fast fashion, la Grande Distribuzione Organizzata e le Calzature e Accessori sono i settori più colpiti dai furti.

Furti che vengono maggiormente compiuti in Campania, Puglia ed Emilia Romagna anche se una buona concorrenza arriva dalla bassa padana alle province di Bari e Brindisi e tra Napoli e Cosenza.

Maggiormente compiti sono i punti vendita collocati nei comuni più piccoli e periferici, meno popolati, con PIL pro-capite inferiore e tassi più alti di giovani e disoccupati: le perdite maggiori nei centri commerciali che in città.

I furti vengono compiuti tramite taccheggi e rapine e risultano essere in aumento i furti organizzati a opera di micro-bande di 2-3 persone, sopratutto di soggetti dell’Est Europa.

Tra le misure di sicurezza più utilizzate troviamo i sistemi anti-taccheggio (EAS), la videosorveglianza e le guardie non armate ed ecco la classifica delle categorie e dei prodotti più rubati.

· Abbigliamento fast fashion: pelletteria, denim e capispalla, cosmetici

· Abbigliamento luxury: capispalla, accessori e occhiali

· Abbigliamento intimo: easywear, intimo, calzetteria

· Beauty&Cosmetics: profumi, cosmetica e make up

· Articoli sportivi: calzature, abbigliamento e materiale sportivo

· Calzature e accessori: abbigliamento, calzature sportive e calzature uomo

· GDO: alcolici, dolciumi, profumeria, carne, salumi e formaggi

· Stazioni di servizio: accessori telefonia e auto, bevande

· Fai da te: elettro utensileria, lampadine, interruttori elettrici

photo credits | think stock

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti