La teoria del Big Rip: ecco quando l’Universo morirà ed in che modo

Gli oggetti fisici, dalle Galassie agli esseri viventi, verranno ridotti a particelle elementari che si allontaneranno tra di loro, sino allo strappo finale.

di Simona Vitale 23 luglio 2012 15:13

Se vi siete mai chiesti quando l‘Universo avrà fine, adesso è dato saperlo. Una cosa è certa. Di tempo a disposizione ce ne sarà ancora parecchio. Un grande strappo causato dall’energia oscura distruggerà l’Universo tra 16,7 miliardi di anni. Parliamo di quella forma misteriosa di energia che costituisce il motore dell’espansione dell’universo e che lo occupa per il 70%. Ad affermare questa teoria sono i fisici teorici dell’Accademia cinese delle Scienze, i quali hanno effettuato una serie di calcoli secondo cui l’energia oscura porterà l’Universo ad espandersi fino al punto di provocare degli strappi che lo ridurranno in brandelli. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Science China.

Per il cosiddetto Big Rip (Grande Strappo), i fisici stimano dunque che all’Universo rimangano da vivere “solamente” poco meno di 17 miliardi di anni. Un’ inesorabile catena di eventi porterà poi la Via Lattea a smembrarsi all’incirca 32,9 milioni di anni prima della ‘fine‘, mentre la Terra verrà dapprima strappata via dalla sua orbita e poi dissolta 16 minuti prima della fine dell’Universo.

La catastrofica fine descritta è conseguenza diretta della teoria del Big Rip, elaborata nel 2003 sulla base delle conoscenze attuali di quella che è l’espansione accelerata dell’Universo. Dagli anni ’90 è infatti noto che l’universo, nato dal Big Bang 13,7 miliardi fa, si espanda in maniera accelerata sotto la spinta prevista inizialmente dai modelli teorici della relatività e che viene invece oggi identificata come energia oscura, ovvero un’energia del vuoto che allarga lo spazio e costituisce il 70% dell’universo.

Sempre secondo la teoria, tutti gli oggetti fisici, dalle Galassie ai pianeti agli esseri viventi verranno per così dire stirati, fatti a pezzi e ridotto a singole particelle elementari che si allontaneranno tra di loro in un gas che diverrà sempre meno denso, sino allo strappo finale. Il tutto alla luce dell’analisi di alcuni parametri legati al destino dell’Universo, in particolare al rapporto esistente tra pressione e densità della materia oscura.

Oltre 100 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Tags: terra · universo
Commenti