Ecco qual è il miglior posto per sopravvivere ad un’apocalisse

Il terrore per eventuali catastrofi naturali è in salita? In Kansas si sta lavorando per la salvezza dell'umanità...

di Giorgia Martino 21 giugno 2013 15:10

Dopo che tantissime popolazioni sono state cancellate dalla Terra in seguito ad un meteorite o a missili nucleari, la sopravvivenza della razza umana potrebbe anche dipendere da poche migliaia di persone che lavorano in una miniera del Kansas orientale.

Un uomo californiano, infatti, ha creato ciò che lui chiama il rifugio privato sotterraneo più grande al mondo, con un complesso di grotte calcaree scavate più di un secolo fa, sotto le ridenti colline che dominano il fiume Missouri.

Robert Vicino, che ha acquistato una grande porzione dell’ex deposito dell’Esercito degli Usa sul confine a sud est di Atchinson, a circa 50 km a nord ovest da Kansas City, afferma: “Io credo di avere un compito e di fare una cosa di valore spirituale”.

Prima di salvare alcuni superstiti da situazioni apocalittiche o da pandemie globali mortali, Vicino afferma che il Vivos Survival Shelter and Resort sarà un luogo di divertimento in cui i membri potranno trascorrere le loro vacanze e apprendere delle tecniche di sopravvivenza di vario genere, per prepararsi a qualunque forma possibile di catastrofe.

Jacque Pregont, presidente della Camera di Commercio di Atchison, ha detto che alcune persone pensano che tutto ciò sia inquietante e che Vicino abbia perso la testa, mentre altri sono davvero entusiasti dell’idea.

Hollywood ha fatto una fortuna con film che parlano di disastri e catastrofi naturali, sia causati dagli umani che da cambiamenti climatici, meteoriti o invasioni di zombie. Inoltre, Doomsday Preppers, lo show del National Geographic Channel, documenta gli sforzi degli Americani che si stanno preparando alla fine del mondo con vari tipi di rifugi e dotandosi di razioni alimentari liofilizzate.

Ken Rose, professore di Storia alla California State University-Chico, critica apertamente i rifugi sotterranei. Anche se ha notato che l’interesse verso questo argomento è in crescita, chiama i progetti come quello del Kansas “un colossale spreco di tempo e denaro”.

Le caverne del Kansas vanno da 30 a 50 metri circa sotto la superficie, e hanno una temperatura naturale costante. Sono sostenute da pilastri di calcare più resistenti del calcestruzzo. Sono dotate di porte anti-esplosione. Inoltre sono circondate da reti metalliche sormontate da filo spinato.

Ma attenzione! Chi vuole accedere a questi rifugi dovrà saldare il conto prima dell’eventuale arrivo di una catastrofe. Il saldo sarà di 50.000 dollari per gli adulti e di 35.000 dollari per ogni bambino.

35 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti