E il figlio di Antonio Di Pietro fu ribatezzato il “Trota del Molise”

di Gianni Monaco 19 settembre 2011 12:11

E’ bufera sull’Italia dei Valori dopo che il suo leader, Antonio Di Pietro, ha deciso di candidare il figlio per le elezioni regionali del Molise. La polemica, prima soltanto locale, ora è diventata nazionale. Cristiano Di Pietro è stato ribattezzato da molti blog come il nuovo “Trota”. Nuovo, si fa per dire, visto che che da ormai un decennio fa politica.

Al pari del figlio di Umberto Bossi, Renzo, Cristiano Di Pietro è stato bocciato al superiore e solo a 22 anni è finalmente riuscito a prendere il “pezzo di carta”. Agente di polizia, è già stato consigliere comunale e provinciale. Ora punta alla Regione, dove i guadagni e la visibilità sono ben più alti. Per molti commentatori, è l’ennesima prova che pure l’ex magistrato ha visione privatistica e familistica della politica. Ma il leader dell’Idv non ci sta. Di Pietro senior dice che il figlio ha fatto la gavetta, al pari di tutti gli altri aderenti al partito. Non solo: Cristiano ha anche contribuito a farlo nascere, l’Idv. Se sarà eletto, sarà perché avrà avuto il consenso dei cittadini – sostiene l’ex magistrato di Mani Pulite – e non perché ha avuto particolari trattamenti di favore. La difesa del leader dell’Idv, però, convince poco, specialmente sul web.

94 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti