Colpita da un ictus alla guida, la Polizia la arresta credendola ubriaca

Viene arrestata dagli agenti di polizia per guida in stato di ebbrezza, ma in realtà Julie Hawkins ha iniziato a sbandare con la sua vettura, dopo esser stata colpita da un ictus.

di Daniela Caruso 14 gennaio 2012 15:08

La polizia stradale ha arrestato una donna per guida in stato di ebbrezza, ma in realtà la malcapitata aveva appena avuto un ictus e per questo stava guidando in modo sconnesso. Julie Hawkins, 55 anni, residente a Pontyclun, nel Galles, è riuscita ad arrestare la corsa della sua autovettura: un altro guidatore si è accorto del malore accusato dalla donna. Quando la polizia è arrivata sul posto, però, hanno arrestato la Hawkins in quanto, secondo gli agenti, la donna si era semplicemente messa ubriaca alla guida.

In realtà, la donna stava quasi per morire a causa dell’ictus che l’aveva colpita proprio mentre era in strada. Alla polizia, l’uomo che l’ha soccorsa ha dichiarato che la signora mostrava i classici sintomi di un grave ictus. Gli ufficiali hanno sottoposto la donna, madre di tre figli,  al test alcolemico. La signora, però, non ce l’ha fatta ed è morta cinque ore dopo l’attacco ischemico.

L’esame autoptico sul corpo della Hawkins ha dimostrato che la donna non aveva alcol nel sangue e nemmeno nelle urine al momento dell’incidente: quel giorno tornava a casa dopo aver trascorso qualche ora ad una festa di compleanno di 50 anni. Anche l’autista Jonathan Sharpe, che ha soccorso la donna, ha detto che Julie, ad un tratto, ha sterzato improvvisamente mentre conduceva la sua Peugeut 107. Come egli stesso ha dichiarato, “Ho aperto lo sportello della macchina e in un primo momento ho pensato che forse aveva bevuto troppo”, ma poi si è accorto che il lato sinistro del volto della donna era cadente: segno che si trattava, appunto, di un ictus.

25 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Tags: alcol · galles · ictus
Commenti