La Casa Bianca all’Italia: “Il prossimo governo continui le riforme”

La portavoce della Casa Bianca: "L'Italia ha fatto grandi progressi con il primo ministro Monti". Oggi Napolitano incontra Obama.

di Luca Fiorucci 15 febbraio 2013 9:19

La portavoce della Casa Bianca Caitilin Hayden, alla vigilia dell‘incontro, previsto per oggi, tra il presidente della Repubblica italiano Giorgio Napolitano e il presidente statunitense Barack Obama, ha espresso l’auspicio che il prossimo governo italiano continui sulla strada delle riforme: “Sarà importante per il prossimo governo mantenere la spinta sulle riforme” ha affermato. Quanto al voto ormai prossimo in Italia, la Hayden ha spiegato: “Noi consideriamo queste elezioni molto importanti, l’Italia è uno dei nostri principali alleati e noi cerchiamo di mantenere questi stretti legami“.

La portavoce della Casa Bianca ha inoltre ribadito l’apprezzamento di Washington per il governo uscente: “L’Italia ha fatto grandi progressi con il primo ministro Monti che ha intrapreso riforme ambiziose per rafforzare l’economia e giocato un ruolo decisivo per la crisi dell’Eurozona”. Le dichiarazioni della Hayden arrivano inoltre a due giorni da quelle dell’ambasciatore americano in Italia, David Thorne, che, parlando ad un gruppo di uomini d’affari newyorchesi, aveva spiegato che il nostro paese ha bisogno di una “maggioranza di centro, centrosinistra abbastanza forte per governare”. Il premier uscente Mario Monti ha apprezzato le parole delle portavoce della Casa Bianca sull’Italia e sul suo governo, affermando che la considerazione di Washington “non mi imbarazza per niente, mi incoraggia e mi fa piacere“.

Monti ha inoltre spiegato che per gli Stati Uniti è importante che l’Italia non sia più nella “lista dei potenziali infiammatori dell‘Eurozona“. Parlando della situazione generale dell‘Eurozona, invece, la Hayden ha sottolineato come “l‘Europa sia in una posizione nettamente migliore oggi perchè i policymaker hanno adottato una serie di potenti strumenti finanziari, con la Banca Centrale e i governi dell’Europa che lavorano insieme a sostegno di una strategia per dare più tempo ai governi che stanno adottando riforme difficili”. L’incontro tra Napolitano e Obama, ha spiegato ancora la portavoce, è “un’opportunità per il presidente Obama di ringraziare il presidente Napolitano per tutto quello che ha fatto. Il presidente Obama ha un profondo rispetto per il presidente Napolitano“.

La Hayden ha aggiunto che Obama ha voluto l’incontro per congratularsi con Napolitanoper una carriera lunga e piena di successi” poco prima della fine del suo settennato. Secondo la portavoce, “i due leader discuteranno della stretta amicizia tra i nostri due paesi e i nostri sforzi comuni per promuovere stabilità e prosperità“. La Hayden ha inoltre sottolineato “l’importante contributo” dato dal nostro paese nel rafforzare le istituzioni di sicurezza nell’area nordafricana. In realtà, anche negli Stati Uniti è giunto l’eco delle inchieste sulle principali aziende pubbliche italiane come Finmeccanica ed Eni. Si teme, in particolare, che questi fenomeni di corruzione possano rallentare la crescita e le riforme. Il compito del Capo dello Stato italiano sarà quindi anche quello di rassicurare l’amministrazione Obama.

4 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti