Leonardo.it
IsayBlog

Rincorre una donna e le morde la faccia: arrestato cannibale in Cina

Ancora un episodio di stampo cannibalesco che rilancia la paura di una possibile Apocalisse Zombie, già negata pubblicamente in precedenza.

di Simona Vitale 2 luglio 2012 23:13
Cina, vittima del cannibale

Sebbene, com’è noto, il governo federale degli Stati Uniti d’America abbia negato pubblicamente l’esistenza di zombie, sebbene nel Maine vi sia stata addirittura un’esercitazione contro una possibile Apocalisse Zombie, negli USA e nel mondo continuano a proliferare episodi inquietanti che lasciano presagire tutt’altro. Dopo il caso più clamoroso di Rudy Eugene, ribattezzato il cannibale di Miami, 31enne ucciso dalla polizia mentre era intento a masticare il volto del senzatetto Ronald Poppo, o dell’attore porno accusato di aver smembrato il corpo del suo amante, salvo poi inviarne parti alle sedi dei maggiori partiti politici canadesi, il tutto passando per lo studente di ingegneria che ha mangiato cuore è cervello di un uomo, stavolta ci spostiamo in Cina.

Una donna stava per essere letteralmente mangiata da un uomo ed è stata salvata solo grazie al tempestivo intervento della folla. Sembra che l’uomo di nome Dong, ubriaco, fosse uscito da un locale, nel quale aveva pranzato con i suoi amici, rincorrendo l’auto della povera donna in questione, di nome Du, costringendola a fermarsi diverse volte. L’uomo è addirittura salito sul cofano della vettura. La donna, allora, in preda al panico è scesa dall’auto ma è stata aggredita da Dong.

Mentre chiedeva aiuto, il pazzo furioso ha iniziato a morderle il volto, lasciandole il volto coperto di sangue. Chiamata dai passanti, la polizia è infine riuscita a bloccare la furia devastante dell’uomo, mentre per la povera Du si prospetta necessariamente un intervento di chirurgia plastica al naso e al labbro per rimediare al danno subito.

La donna per fortuna è riuscita a rialzarsi grazie all’aiuto delle persone che nel frattempo si erano riunite (chi per assistere, chi per tentare di fare qualcosa) sul luogo del misfatto. Ancora ignote le cause che hanno spinto l’uomo all’efferato gesto. Nelle prossime ore sapremo se l’uomo fosse sotto effetto di sostanze stupefacenti o semplicemente ubriaco. In  ogni caso la situazione appare allarmante.

Oltre 100 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti