Arabia Saudita, il Re concede alle donne il diritto di voto

di Simona Vitale 26 settembre 2011 9:34

Al giorno d’oggi..nel nostro Belpaese che, seppur con tutti i suoi problemi, è uno stato democratico, i cui diritti sono costituzionalmente garantiti, una notizia così fa solo venire in mente un commento del tipo ” Ah, finalmente! ”

Ma se sei in Arabia Saudita, la svolta è quanto meno epocale.

Il Re dell’Arabia Saudita, infatti, ha concesso alle donne il diritto di votare e di candidarsi alle elezioni. Ricordiamo che il paese in questione è una monarchia assoluta ultra-conservatrice, ma, probabilmente, la concessione del Re si è resa necessaria, dato il clima teso alle riforme sociali e democratiche che si sta estendendo in tutto il Medio Oriente.

 Abdullah bin Abdulaziz al-Saud ha preso il potere circa sei anni fa, con la fama di essere un sovrano riformatore, ma nei fatti ha poi governato con conservazione e prudenza.

In sostanza, la misura adottata dal Re non produrrà grossi cambiamenti perchè le elezioni in Arabia Saudita sono concesse solo per metà dei seggi ed hanno, tra l’altro, poteri limitati. Ma già quest’apertura mentale è sinonimo di un qualcosa che sta cambiando.

Le donne potranno votare dal 2015, mentre per la concessione alle donne di altri diritti, come quello di guidare o di lasciare il Paese autonomamente e senza il permesso di un parente maschio, ancora non si è parlato.

40 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti