Leonardo.it
IsayBlog

Lotta contro i batteri mangia carne, la malattia di Aimee Copeland

La giovane studentessa, alla quale sono state amputate le mani, una gamba e un piede, combatte ora contro atroci dolori e chiede l'aiuto dei farmaci.

di Simona Vitale 19 giugno 2012 14:24
Aimee Copeland

Il cambiamento di vita e il trauma fisico che ha coinvolto la 24enne Aimee Copeland sta iniziando a chiederle il conto.  Anche se lei aveva già giurato di rinunciare ad antidolorifici come la morfina, perché prenderli l’avrebbe fatta sentire come “traditrice delle sue convinzioni”, la giovane, sopravvissuta al virus mangia-carne chiede ora dei farmaci per il dolore.

“Donna e io siamo appena tornato dall’incontrare Aimee questa mattina, e posso riferire che nelle ultime 48 ore, mia figlia ha provato il dolore più forte mai avvertito nel corso di questa ardua prova“, ha scritto suo padre sul blog della figlia.

“L’intervento chirurgico al quale Aimee è stata sottoposta è di gran lunga più grave di qualsiasi cambio di medicazione che si possa immaginare“, ha spiegato l’uomo. “Aimee sta assumendo farmaci per il dolore secondo una dose che può essere liberamente prescritta. Se anche avesse avuto il coraggio di rifiutare l’assunzione, cosa che non ha avuto, allora i medici avrebbero certamente somministrato l’antidolorifico via flebo. Anche così, le dosi consentite di morfina, Fentanyl e Lyrica sono spesso inadeguate per affrontare il dolore”.

Ad Aimee sono state amputate entrambe le mani, così come una delle sue gambe, e uno dei suoi piedi, dopo aver contratto un’infezione mangia-carne che le ha quasi tolto la vita. Durante la difficile prova, lei è rimasta straordinariamente ottimista e ha deciso di usare la meditazione per controllare il suo dolore. Ora, però, sta per entrare nella prossima fase di ripresa, che include diversi, intensi, dolorosi interventi chirurgici.

Durante l’innesto di pelle più recente, i chirurghi sono stati costretti a prendere parti del muscolo dall’addome di Aimee per creare un lembo sopra l’arteria iliaca nel suo inguine” ha scritto Andy.“Piange così tanto dal dolore, poi smette perché il pianto le fa male allo stomaco”. 

In ogni caso è incredibile, anche se lei sta soffrendo immensamente, il suo animo è forte. Avrei voluto abbracciarla, ma anche il solo sfiorarla le provoca un’onda d’urto di dolore che si propaga in tutto il corpo”, ha scritto suo padre. “A volte essere un genitore non è facile e questo è uno di quei momenti,” Andy Copeland ha scritto. “Avrei preferito essere quella in quel letto. Se potessi tenere quel dolore lontano da lei lo farei in un batter d’occhio”.

Questa storia terribile è anche un po’ una lezione per coloro che sono alla ricerca di emozioni. Aimee, studentessa di un master di 24 anni presso l’University of West Georgia, ha una fascite necrotizzante causata dall‘Aeromonas hydrophila, un batterio di solito legato alle malattie intestinali. La ragazza si è ferita durante una sessione di kayak sul fiume Tallapoosa con dei suoi amici. Trasportata in ospedale per una ferita al polpaccio, le sono stati applicati 22 punti.

Ma il giorno dopo ha accusato fortissimi dolori. “Questo batterio è una causa comune di diarrea”, ha detto il Dr. William Schaffner, presidente del reparto di medicina preventiva presso la Vanderbilt University Medical Center di Nashville, Tennessee, e presidente della Fondazione nazionale per le malattie infettive.

42 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti