Ora solare, come contrastare i disagi del cambio a tavola

Inappetenza e insonnia con lancette dell’orologio indietro di un’ora nella notte fra sabato 28 e domenica 29 ottobre: come contrastare il cambio dell'ora anche con l'alimentazione.

di fabiana 27 ottobre 2017 9:00
ora solare

Lancette dell’orologio indietro di 60 minuti nella notte fra sabato 28 e domenica 29 ottobre: con il ritorno dell’ora solare si torna indietro un’ora e si dorme un’ora di più e che durerà per i prossimo 4 mesi fino al 25 marzo 2018.

Dovremo fare però i conti con le giornate più corte che causano a un italiano su due  insonnia, inappetenza, pessimismo e apatia come conferma il recente studio In a bottle.

E se a risentire del cambio è soprattutto il tipo allodole, che va a dormire e si sveglia presto, tutti possono contrastare con qualche accorgimento il cambio dell’ora considerando che un’alimentazione corretta aiuta a superare i disturbi del periodo. 

Ed ecco i sette consigli della nutrizionista Carmen Campana relativamente all’alimentazione. 

Meglio non esagerare con le porzioni e mantenersi leggeri per evitare di appesantire il fisico. Meglio scegliere i metodi di cottura semplici come il vapore, la griglia, il forno.

Colazione: meglio bere una tisana con un cucchiaino di miele che contrasta la stanchezza e consumare spuntini di frutta fresca o frutta secca.

Di sera meglio evitare di assumere alimenti che richiedono tempi di digestione troppo lunghi, superalcolici e alimenti eccitanti.

Pane, pasta, orzo, riso: ricchi di l’amminoacido triptofano, che favorisce la produzione di serotonina assicura anche il benessere cerebrale. Il riso è perfetti per contrastare la stanchezza.

Verdura fresca: bene se condita con poco olio, via libera agli spinaci ricchi di magnesio, calcio, vitamina B6 e acido folico.

Assumere vitamina b1 contro la stanchezza che trasforma i carboidrati in energia ed è indicata per la salute delle cellule nervose. Si trova nei cereali integrali, semi, legumi.

Stop agli acidi grassi trans che causa aggressività ed irritabilità.

photo credits | think stock

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti