Palcohol, nasce l’alcool in polvere

La strada affinché esso si trovi nei negozi appare però ancora lastricata di ostacoli. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

di Simona Vitale 28 aprile 2014 19:41

Gli esseri umani hanno goduto dell’alcol per migliaia di anni in una varietà di forme, ma un aspetto è sempre rimasto costante: era liquido. L’inventore Mark Phillips ha creato un prodotto che potrebbe rivoluzionare quelli che sono cocktail e dare un significato tutto nuovo a ‘martini dry’: parliamo dell‘alcool in polvere. Il prodotto si chiama Palcohol. 

Per trasformare Palcohol nella vostra bevanda preferita per adulti, basta aggiungere l’alcool in polvere (che viene fornito in un pacchetto come una sorta di pacchetto di zucchero) a poche dita di acqua. Attualmente è disponibile in sei varietà: rum, vodka, cosmopolita, mojito, margarita e goccia di limone. Sostituendo l’acqua per un mixer diverso (come la soda o il succo di frutta) si può personalizzare la bevanda per soddisfare i gusti e le preferenze di un individuo.

Molti sono entusiasti perché Palcohol potrebbe essere discretamente portato in luoghi dove il liquore non è disponibile o i prezzi sono esorbitanti, come eventi sportivi, concerti, cinema, aerei, navi da crociera, e simili. Tuttavia, è per questo preciso motivo che molti si oppongono alla sua disponibilità. Una delle prime domande sul prodotto riguardava la possibilità che esso potesse essere sniffato. La risposta breve è sì, ma è una pessima idea. Sul sito di Palcohol si legge:

“Abbiamo visto i commenti di coloro che vogliono sniffare Palcohol. Non fatelo! Non è un modo responsabile o intelligente di utilizzare il prodotto. Per prendere precauzioni contro questa azione, abbiamo aggiunto il volume alla polvere quindi occorrerebbe inalare più di una metà di una tazza di polvere per ottenere l’equivalente di una sniffata. Si potrebbe sentire un sacco di dolore per molto poco guadagno. Basta usare il prodotto nel modo giusto. “

Nonostante l’approvazione del TTB, ci sono molti ostacoli affinché Palcohol possa trovarsi sugli scaffali dei negozi, in quanto negli USA Stato deve anche approvare la vendita di alcolici in polvere. Anche se è perfettamente legale, dettaglianti e grossisti dovranno anche sostenere la sua vendita. Sembra quasi quasi certo che coloro che si oppongono metteranno una notevole pressione su di loro per opporsi, quindi non si può dire come tutto andrà a finire. Nonostante l’incertezza giuridica, le menti dietro Palcohol stanno ancora progettando per una disponibilità cauta. Non ci sono attuali previsioni su quanto il prodotto costerà.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti