5 suicidi di massa che vi lasceranno sbalorditi

Centinaia di persone han perso la vita per evitare principalmente l'umiliazione della riduzione in schiavitù. Scopriamo insieme di chi si tratta.

di Simona Vitale 21 novembre 2013 12:10

3. Donne teutoniche che hanno commesso omicidio-suicidio per evitare di diventare schiave romane, Francia 102 A.C.

http://en.wikipedia.org/wiki/Battle_of_Aquae_Sextiae

http://en.wikipedia.org/wiki/Battle_of_Aquae_Sextiae

La battaglia di Aquae Sextiae (nel sud della Francia attuale) ha avuto luogo nel 102 aC. Secondo gli scritti di Valerio Massimo e Floro, il re dei Teutoni, Teutobod, fu messo in catene dopo che i Teutoni furono sconfitti dai Romani. Nelle condizioni della resa, trecento donne sposate dovevano essere consegnate come schiave romane. Quando le matrone dei Teutoni sentirono parlare di questa clausola, le donne teutoniche uccisero i propri figliLa mattina dopo, tutte le donne furono trovate morte l’una nelle braccia dell’altra dopo essersi strangolate durante la notte.

4. Ribelli ebrei che hanno commesso suicidio di massa per evitare l’umiliazione della resa

http://en.wikipedia.org/wiki/Masada

http://en.wikipedia.org/wiki/Masada

L’assedio di Masada da parte delle truppe dell’Impero Romano verso la fine della prima guerra giudaica-romana si concluse con il suicidio di massa di 960 ribelli ebrei e delle loro famiglie che si nascondevano lì. Masada è una antica fortificazione nel distretto meridionale di Israele, che è situata sulla cima di un altopiano di roccia isolata sul bordo orientale del deserto di Giudea con vista sul Mar Morto. Le scogliere sul bordo orientale di Masada sono alte circa 400 metri. Secondo Giuseppe Flavio, nel 73 dC i Romani richiesero un totale di 15.000 truppe per schiacciare la resistenza ebraica a Masada. Quando le truppe romane entrarono nella fortezza, hanno scoperto che i suoi 960 abitanti avevano commesso suicidio di massa o si erano uccisi a vicenda. Ci sono notevoli divergenze tra reperti archeologici e gli scritti di Giuseppe Flavio il quale sostiene che 960 persone sono state uccise, mentre gli archeologi hanno trovato resti di soli 28 corpi.

5. La danza di Zalongo, Grecia 1803

http://en.wikipedia.org/wiki/Dance_of_Zalongo

http://en.wikipedia.org/wiki/Dance_of_Zalongo

La danza di Zalongo era il nome dato ad un atto un suicidio di massa da parte delle donne di Souli ed dei loro figli durante la Guerra Souliote del 1803, che ha avuto luogo nei pressi del villaggio di Zalongo in Epiro (Grecia). Durante la Guerra Souliote nel dicembre 1803, le Souliotes hanno cominciato l’evacuazione di Souli dopo la loro sconfitta da parte delle forze del sovrano ottomano-albanese, Ali Pasha. Durante l’evacuazione, oltre 50 donne Souliot e i loro figli sono rimasti intrappolati dalle truppe di Ali tra le montagne di Zalongo in Epiro. Al fine di evitare la cattura e la riduzione in schiavitù, hanno deciso di uccidere i loro figli e poi suicidarsi. Le donne hanno preso i loro figli e li hanno gettati da una rupe scoscesa. Subito dopo, sono saltate loro. Secondo la leggenda, le donne si sono buttate giù da un precipizio dopo l’altro, mentre cantavano e danzavano. L’incidente divenne ben presto famoso in tutta Europa. Oggi, un monumento sul sito del Monte Zalongo in Kassope (Grecia) commemora il loro sacrificio.

12 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti