5 atti di gentilezza che hanno salvato una vita

Un atto di generosità e cortesia disinteressata può rivelarsi davvero importante e salvare la vita a grandi, piccini ed anche animali.

di Simona Vitale 26 luglio 2013 11:44

Esopo scriveva che: “Nessun atto di gentilezza è mai sprecato, non importa quanto piccolo sia”. Il grande scrittore di favole probabilmente aveva ragione. Vediamo dunque alcuni piccoli, grandi, gesti che hanno permesso di salvare delle vite come ci mostra anche Oddee.com.

1. Un gesto gentile ha portato una donna a rischiare la sua vita per ospitare una famiglia ebrea

http://www.thestar.com/content/dam/thestar/life/acts_of_kindness/2009/12/20/a_simple_act_of_kindness_saved_lives/a_simple_act_of_kindness_savedlives.jpeg.size.xxlarge.letterbox.jpeg

http://www.thestar.com/content/dam/thestar/life/acts_of_kindness/2009/12/20/a_simple_act_of_kindness_saved_lives/a_simple_act_of_kindness_savedlives.jpeg.size.xxlarge.letterbox.jpeg

Nel 1941, Zofia Banya, una povera contadina polacca, ha scoperto di non avere abbastanza soldi per acquistare le forniture di cui la sua famiglia aveva bisogno al negozio del paese. Il negoziante, Israele Rubinek, le disse di prendere la merce e di ripagarla quando avrebbe potuto. Questo atto di gentilezza Banya non lo ha mai dimenticato. Due anni dopo, i nazisti erano intenti a rastrellare gli ebrei in Polonia e mandarli nei campi di concentramento. Temendo per la vita del giovane uomo gentile che l’aveva aiutata, Banya ha rischiato la vita nascondendo Rubinek e sua moglie nella sua casa per due anni e mezzo. Molte volte, i soldati tedeschi si sono recati nella casa colonica di Banya per cercare di nascondere gli ebrei, e ogni volta la famiglia Rubinek era nascosta in un vespaio minuscolo. Una notte particolare, i soldati nazisti dormirono nel soggiorno di Zofia Banya, a pochi centimetri da dove i Rubineks si trovavano. Decenni più tardi, i Rubineks riuscirono a riunirsi con la donna che li tenne al riparo dai nazisti. 

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti